La ballata di Scott Moorhead

Non lo riconosco più, ma probabilmente non l’ho mai conosciuto per davvero. Mi sento vivo e allo stesso tempo morto. Così come vive e morte mi sembrano anche tutte quelle stelle che, finora, in un certo senso, ho schedato nel mio cervello, così da poterle riconoscere sempre e comunque. Ma se il riconoscimento non è più vicendevole, come posso continuare a chiamarle con i loro veri nomi, tutte queste stelle a cui ho concesso una porzione della mia memoria? Non ne ho più il diritto, temo. La realtà, le cui stelle non sono meno autentiche della mia contorta ossessione per i veri nomi, mi ha prima celebrato, poi sputato via. E il risultato, assolutamente inevitabile, è che non lo riconosco più, che non riconosco più il mio vero nome.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...