Dieci alla meno quattordici

Mi domando chi sia, il tizio o la tizia che ha scombinato la mia scaletta spaziotemporale. Ero già al rendez-vous. In spirito, certo, ma ero già . Lo sono stato, purtroppo, solamente fino a quando l’età dell’oro nella mia testa ha respirato da sola. La Musa Euterpe mi ha temporaneamente voltato le spalle, ma unicamente per testare, credo, la mia fedeltà al suo spartito invisibile, non per altri motivi – la stringa cosmica che ho pizzicato ha vibrato perlopiù di amore.

1 Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...