#2

– Quaranta giorni fa.
– Però!
– Vorrei andare a vivere in un posto dove la luce non esiste. Ma so bene che un luogo del genere non c’è, che il mio desiderio è un’isola.
– Anch’io non trovo più qualcosa che mi apparteneva e la cui vicinanza, adesso che ci penso, mi faceva sentire completo: il mio frisbee.
– Uh.
– Ho cominciato questa mia avventura siderale con la mente resettata, come se, un attimo prima, qualcosa o qualcuno mi avesse cancellato la memoria e la coscienza, lasciandomi come unico elemento familiare della mia nuova vita quel dannato disco.
– Che fine ha fatto?
– Non ne ho idea. Ma sento che è cambiato, che la sua forma, ora, è un’altra. Spero solamente di riconoscerlo, quando i nostri continuum si incroceranno di nuovo.
– Cos’altro senti?
– Mm, ti sembrerà strano – e a me lo sembra nonostante quanto stia per dirti sia un mio pensiero – ma sento che i nostri Graal sono collegati.

This entry was posted in 4. Bookmark the permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...